Guadagnare on line: alcune premesse per evitare i rischi

Quando si parla di guadagnare on line è facilissimo incorrere in truffe. Innanzitutto occorre fare molta attenzione e scremare tra le moltissime offerte presenti sui motori di ricerca. Prima di andare ad esplorare diversi modi di guadagnare on line, occorre però fare alcune piccole ma fondamentali premesse.
La prima sarà confortante per molti lettori. La possibilità di guadagnare on line è per tutti. Infatti tutto ciò che occorre per poter partire e proseguire con questo tipo di attività è una connessione a internet. Certo, se volete evitare di impazzire, questa connessione è bene che sia rapida. Questa prima premessa però potrebbe portare fuori strada. Se è verso che il guadagno on line è per tutti, è altrettanto vero che non va preso sotto gamba. Per poter funzionare e dare risultati duraturi nel tempo, questo tipo di attività deve essere svolta con grande costanza e impegno. Sono queste le parole chiave per avere risultati duraturi e soddisfacenti. Dunque non pensate che possa essere una attività spot, o ben presto ve ne pentirete.
Altra premessa da porre prima di cominciare è abbastanza scontata, ma non troppo. Nessuno regala soldi. Non pensate quindi di poter fare soldi a palate con pochissima fatica. Occorrono impegno e costanza. Ma soprattutto questa indicazione vi serve per cogliere al volo quali sono le offerte di cui dubitare. Se vi offrono moltissimi soldi, troppi, diciamolo pure, dubitate. O si tratta di una attività al limite della legalità, o è un vero e proprio specchietto per le allodole. Prestate la massima attenzione fin dall’annuncio quindi. Fate poi delle ricerche in rete. Spesso i soggetti che propongono mari e monti salvo poi non saldare i compensi sono stati già segnalati da altri utenti. Meglio una ricerca in più e una fregatura in meno. Infine provate a informarvi bene prima di optare per una o per l’altra opzione. Il guadagno on line infatti per funzionare bene deve rispondere alle vostre caratteristiche.
Fonte: monetizzare.com

Caduta dei capelli. Cause e soluzione chirurgica

I nostri follicoli piliferi, da cui si originano i capelli, si formano in fase embrionale e sono caratterizzati da un ciclo di vita continuo che si conclude, per la prima volta, già durante la gestazione. Dopo la nascita, il ciclo continua e porta a una crescita dei capelli di circa 1-1,5 cm al mese.

Al contrario degli altri mammiferi, il cui pelo è caratterizzato da una muta periodica, l’uomo vede una crescita dei capelli asincrona. Ciò significa che ogni capello vive una crescita diversa da quella dei capelli circostanti. Ogni giorno un individuo perde fino a cento capelli. Ciò avviene perché il ciclo di vita è caratterizzato da una fase di crescita (anagen), una di involuzione (catagen) e una di caduta (telogen).

In alcuni individui una predisposizione genetica porta dei particolari ormoni, gli androgeni, ad attaccare i follicoli piliferi, innescando un processo di miniaturizzazione, che vede i capelli assottigliarsi e indebolirsi sempre di più fino a non ricrescere.

Alcuni farmaci con azione antiandrogena riescono a contrastare parzialmente l’effetto degli ormoni sui follicoli piliferi. Minoxidil, in particolare, è in grado di allungare la durata della fase anagen, favorendo una maggiore crescita dei capelli. Un altro farmaco, Finasteride, agisce invece sulle cause endocrine della caduta, inibendo gli enzimi che portano alla formazione degli ormoni androgeni.

Nonostante l’efficacia di questi farmaci sia stata provata, il loro effetto benefico non è definitivo. Il trapianto di capelli rappresenta, invece, un rimedio risolutivo a disposizione di chi è affetto da calvizie. Se eseguito da mani esperte, permette l’ottenimento di un look giovanile e di un cuoio capelluto folto e sano.

 

In cosa consiste il trapianto di capelli?

Di seguito una breve descrizione delle principali fasi del trapianto di capelli:

  • Estrazione delle unità follicolari: I follicoli piliferi della zona occipitale dello scalpo non sono intaccati dall’azione degli ormoni androgeni. Rappresentano, di conseguenza, una fonte ideale cui attingere per l’estrazione delle unità follicolari, che acquistano in questo contesto il nome di graft. Il prelievo avviene secondo due metodiche principali. Si parla di metodo Strip quando il chirurgo preleva una losanga di pelle di forma allungata da cui sono poi estratte le graft, mentre con il termine FUE (Follicular Unit Extraction) si indica una tecnica che prevede l’estrazione delle singole unità follicolari direttamente dal cuoio capelluto.
  • Creazione dei siti riceventi: Tramite delle piccole incisioni, la zona glabra o diradata dello scalpo è preparata per accogliere le unità follicolari che daranno origine ai capelli.
  • Innesto delle graft: Le unità follicolari, dopo essere state ripulite, sono inserite nei siti riceventi e daranno origine ai capelli.

 

La scelta della clinica

Sono sempre di più, in tutto il mondo, le cliniche e i centri specializzati nei trapianti di capelli. È bene però notare che i risultati e i livelli di sicurezza e di attenzione per il paziente possono essere estremamente diversi.

Il web fornisce innumerevoli strumenti per poter effettuare una scelta consapevole, grazie a forum, blog, siti internet dove persone che già si sono sottoposte all’operazione condividono la propria esperienza.

Il Dott. Tayfun Oguzoglu, chirurgo specializzato in chirurgia della calvizie e membro dell’ISHRS (International Society of Hair Restoration Surgery) mette in guardia da tutti quei centri non autorizzati, dove personale non qualificato esegue trapianti senza rispettare le più importanti norme igieniche e senza conoscere le ultime innovazioni di quel mondo in continua crescita che è la hair restoration.

Trucchi per fare Copywriting di qualità sul web

Il copywriter, un mestiere non per tutti. Al giorno d’oggi si pensa che per essere un buon copywriter bastino semplicemente una licenza superiore ed una buona capacità di scrivere. Purtroppo, chi pensa in questo modo è destinato a rimanere deluso, perchè il mestiere del copywriter non è affatto per tutti. Certo, saper scrivere bene è un fattore importante, ma non è tutto. Ma giocare con le parole e collocarle in frasi accattivanti spesso costituisce una caratteristica non richiesta o addirittura sconsigliata per scrivere un post su un blog o su qualsiasi altra pagina web. Read More

I migliori router 4g – quali marche?

Può capitare che durante qualche viaggio si renda necessario l’utilizzo di una connessione ad alta velocità con il proprio computer portatile. Non potendo utilizzare il cellulare come router/modem allora è quasi obbligatorio possedere un router 4g, capace di ospitare al suo interno una scheda sim con un piano dati attivo che fornisca la connessione ad internet di cui si ha bisogno. Purtroppo però la scelta di un dispositivo di questo tipo è molto difficile, dal momento che esistono centinaia di marche e migliaia di modelli che a prima vista sembrano tutti uguali o fornire le stesse funzioni, ma guardando più nello specifico si scoprono differenze davvero abissali anche tra due modelli prodotti dallo stesso brand. Per questo motivo brevemente verranno considerati e descritti tutti i migliori brand per quanto concerne i router 4g, in modo da scegliere senza perdite di tempo o di denaro. La classifica completa dei migliori router 4g lte è reperibile su http://routerwifimp.it/i-migliori-router-4g-lte-portatili/

Tp Link

Una delle migliori marche riguardanti i router 4g è sicuramente la Tp Link. Negli anni questa azienda ha messo in commercio dei dispositivi davvero interessanti, dalla qualità costruttiva eccellente e realizzati con materiali molto resistenti. Un esempio è sicuramente il modello M7350, versione portatile dei router 4g avente un aspetto e design estremamente curato sotto ogni aspetto. Le prestazioni di questo dispositivo, come anche degli altri prodotti dal medesimo brand, risultano straordinarie; la velocità massima in download è di 150 mb al secondo, con una banda wi-fi da 300 Mbps disponibile per 15 dispositivi (computer, tablet, telefoni) connessi contemporaneamente.

I router Netgear

Un altro brand che si è affermato nel mondo dei modem e router normali e 4g è sicuramente la Netgear. Azienda conosciuta per la grande produzione di router di grandissima qualità, capaci di poter supportare notevoli carichi di lavoro senza problemi. Inoltre è anche da citare la qualità costruttiva dei prodotti Netgear, che permette al modem stesso di lavorare per un lunghissimo arco di tempo senza problemi tecnici. Un esempio di tale impegno è sicuramente il modello mini router WiFi Netgear AC785-100EUS, dispositivo portatile che consente ai viaggiatori di poter mantenere una connessione stabile grazie alla grande batteria che dura più di 10 ore e anche ad una scheda tecnica di tutto rispetto. Anche in questo caso gli utenti non potranno fare a meno di apprezzare il fatto che la velocità massima in download disponibile è di 150 megabyte al secondo, oltre alla possibilità di poter personalizzare le impostazioni e controllare direttamente il dispositivo da smartphone (Android o IOs) usando semplicemente l’apposita applicazione.

I router Huawey

Infine una menzione particolare va fatta anche per i router prodotti dalla Huawey. Negli ultimi anni questa azienda si è fatta conoscere per la grande qualità degli smartphone messi in vendita, capaci di vincere una notevole quantità di premi e riconoscimenti. Tale impegno nella fabbricazione di dispositivi di ottima qualità si vede anche nel campo dei router 4g, realizzati con funzioni particolari, comode da usare e un design degno di nota. Un esempio è sicuramente il Huawei E5776, conosciuto per le piccole dimensioni che consentono una portabilità senza precedenti o problemi. Oltre ciò c’è anche da considerare la particolare forma a saponetta che conferisce al router una praticità unica se lo si deve tenere in mano per lunghi periodi di tempo. Anche in questo caso gli utenti hanno la possibilità di utilizzare la tecnologia Lte Cat4 che permette ai dispositivi di navigare fino a 150 megabit al secondo in download con più dispositivi connessi contemporaneamente.